Due fratelli inseparabili, la storia di Hansel e Gretel

Home > Animali > Due fratelli inseparabili, la storia di Hansel e Gretel

“La strada era la mia casa, solo io e mio fratello contro il mondo. La fame ci contorceva lo stomaco, il freddo ci penetrava nelle ossa ma insieme, ogni giorno finiva e ne cominciava un altro. Poi un giorno sono arrivati loro…. Fratello cosa vogliono? Cosa succede? Cercavo conforto in lui… cercavano di prenderci… fuggivamo più in fretta possibile.

Sono tornati ogni giorno, per una settimana… alla fine l’hanno preso, hanno preso mio fratello con una specie di corda. Lo hanno caricato sul furgone, senza di lui nulla avrebbe più avuto senso, così mi sono costituito e sono salito su quel mezzo, di mia spontanea volontà. Avevo tanta paura, tremavo ma c’era qualcosa che non andava… mi accarezzavano.

Ci hanno portato dentro una casa, mi hanno chiuso in una cella e sono andati via, insieme a mio fratello. Era buio e freddo, avevo capito tutto, era arrivata la mia ora. Non riuscivo a mettere di piangere, piangevo tutta la notte e sentivo mio fratello fare lo stesso. La mattina seguente uno di quegli estranei è venuto, ha aperto la cella e ha fatto entrare mio fratello… cosa stava succedendo? Cos’era quel posto?

‘Non non è possibile, devono stare insieme per forza’, continuavano a ripetere… ma cosa voleva dire? Avevamo tanta paura ma per fortuna eravamo lì, l’uno per l’altro. I giorni passavano e anche se non riuscivamo a mangiare, noi ci abbracciavamo. Solo così stavamo bene, l’uno stretto all’altro, due fratelli uniti per l’eternità, solo la morte ci avrebbe separato e se era arrivata l’ora, eravamo pronti.

Poi un giorno è entrata quella donna: ‘voglio vedere quei due cani che si abbracciano, li ho visti su Internet’, disse rivolgendosi a quei ragazzi. ‘Certo, venga’, le risposero. Quella donna ci portò via, ci caricò in macchina e ci condusse dentro una casa bellissima, grandissima.

Poi ci guardo e disse: ‘avevano ragione, siete bellissimi insieme e hanno fatto bene a non permettere un’adozione separata. A proposito, da oggi potete chiamarmi MAMMA. Benvenuti Hansel e Gretel.”

“Avevamo una casa”

“Per sempre felici e contenti, insieme…”