Il ‘trattamento del silenzio’ funziona sempre

Vi chiedo di immaginarvi una scena: siete insieme a un vostro amico che vi ha fatto arrabbiare. Il motivo ha poca importanza: potrebbe essere un torto che vi ha fatto, una promessa infranta o uno scherzo di pessimo gusto… quello che conta è che siete arrabbiati.

Adesso vi chiediamo di dirci come reagite quando vi rendete conto che il vostro amico non capisca il motivo della vostra rabbia… inutile sprecare il fiato con spiegazioni… tanto non capirà mai. E allora? cosa fate? Probabilmente, la risposta di molti di voi sarà: “il trattamento del silenzio”. Eh si… perché quando uno non capisce, che senso ha perdere tempo con le spiegazioni? Adesso vogliamo invitarvi a guardare un video… Il protagonista è un cane che conosce bene come si fa ad applicare il “trattamento del silenzio”.

Ecco il divertentissimo video

Ebbene sì, avete visto bene. Il cane, un bellissimo boxer di nome Chops, era arrabbiato con il suo umano, Davie, perché quest’ultimo l’aveva portato dal veterinario. Come ben sapete, non tutti gli animali sono fan del veterinario e molti lo fanno capire in modo molto chiaro.

Evidentemente Chops fa parte da questa categoria. Davie, il suo umano, prova a farlo scendere dalla macchina, gli parla, scherza… ma niente. Il cane sembra di pietra. Guarda avanti e fa orecchie da mercante. Sta cercando di far capire al suo umano “cattivo” che l’aveva portato dal “torturatore” con il camice bianco che gliela farà pagare.

 

Il suo comportamento è divertentissimo. Sembra un attore di vecchia data. Rimane impassibile, guarda avanti e ignora le sue parole. Non vuole dargliela vinta: vuole farlo pagare per quello che gli ha fatto. Non conta che la visita dal veterinario è stata per il suo bene… queste cose non si fanno e il suo umano lo deve capire bene, una volta per tutte!