Mio nonno all’età di 94 anni è caduto in una profonda depressione

“Mio nonno Jiji ha lavorato instancabilmente per ben 64 anni, finchè un brutto giorno il medico ha dichiarato che non era più in grado di lavorare. Così all’età di 94 anni si è ritrovato lontano da quella che era la sua quotidianità e questo lo ha spinto verso una brutta depressione.”racconta Akiko Dupont. “E’ stato allora che ho deciso di portare a casa lui, Kinako.”

“Questo splendido gattino è arrivato come un uragano nelle nostre vite, scuotendo quella del nonno che iniziato da subito ad avere un bellissimo rapporto con lui. E’ tornato ad amare la vita e tutto ciò che lo circonda.”

“E’ come se Kinako avesse compreso perfettamente ciò che lo affliggeva e ha avuto per lui la cura migliore, quella dell’amore.”

“Quel vecchietto scontroso e burbero è tornato il simpatico e dolce di una volta.”

“Kinako gli ha ridato una ragione per vivere e io non potrei essere più felice nel vederli insieme!”

“E’ incredibile ciò che questo bellissimo micio fa per lui, non lo lascia di un passo e lo accompagna in ogni cosa lui faccia. Sono praticamente inseparabili!” 

Jiji ha trovato un nuovo meraviglioso migliore amico con cui passare le giornate e condividere hobby e passioni. Non servono le parole per sintonizzare i cuori sulla stessa frequenza. E questo simpatico nonnino e il suo micio ne sono un chiarissimo e palese esempio.

Guardateli nel momento del pisolino.

In fondo non siamo poi così diversi dai nostri pelosetti. “Voglio condividere la storia di mio nonno perchè sia un monito per il mondo. I gatti sono esseri speciali, riescono a capire i nostri sentimenti più di chiunque altro al mondo e sanno come farci sentire unici e speciali sempre. Sono infinitamente grata al mio dolce Kinako!”

Condividi questa storia emozionante con i tuoi amici per diffondere l’importante e profondo messaggio di Akiko. L’amicizia di un gatto è il regalo più prezioso che la vita possa farci!

di Pamela