Salvati a Rio gatti che sarebbero stati usati per nutrire i falchi

Oggi vi raccontiamo la storia del salvataggio di un gruppo di gattini che avrebbe fatto una fine davvero terribile: siamo a Bangu, una zona occidentale di Rio de Janeiro, in Brasile. Qui la polizia di Protezione Ambientale (DPMA) è riuscita a individuare un “deposito” dove all’interno venivano tenuti dei gatti. La loro fine sarebbe stata terrificante: dovevano essere dati in pasto ai falchi.

I gatti erano stati rubati dalle loro case e trattenuti in una stanza piccolissima, in attesa del momento in cui sarebbero stati trasformati in cibo per i falchi: l’operazione di polizia ha permesso il salvataggio anche di altri animali selvatici, come uccelli, pappagalli e tucani.

Il caso è stato scoperto in seguito a una denuncia anonima: in Brasile esiste un numero di telefono per poter segnalare casi di questo tipo, come rapimenti di animali o maltrattamenti, ma anche abbandoni, avvelenamenti, detenzione illegale, scarse condizioni igieniche, mutilazioni, reclusione in spazi angusti o pericolosi per gli animali.

Proprio grazie a questa segnalazione anonima, i gatti, così come tutti gli altri animali detenuti illegalmente e che avrebbero fatto una fine inimmaginabile, sono stati liberati. Ma chissà quanti altri sono in attesa di essere tratti in salvo dagli aguzzini che li hanno portati via dai loro affetti.