Un buon padre fa così

Il bullismo è una questione molto controversa. Non solo è un problema vecchio come il tempo, ma evoca anche forti sentimenti spiacevoli, in quasi tutti coloro che subiscono. Questo fenomeno diventa più rilevante e d’impatto quando siamo bambini. Ma di chi è la colpa se un bambino molesta un altro bambino? Del bullo? O dei suoi genitori?




Personalmente, penso che sia una combinazione dei tre. In primo luogo, i bambini devono essere educati ad assumersi la responsabilità delle loro azioni. Secondo, gli insegnanti hanno la missione per garantire che la scuola sia un ambiente sicuro per tutti i suoi studenti. Terzo, i genitori devono fare il più possibile per rendere chiaro ai loro figli che il bullismo, in qualsiasi forma, non è atteggiamento giusto. Questo ci porta a un padre, Bryan Thornhill, che recentemente è diventato un fenomeno virale, dopo aver adoperato un modo molto creativo di punire suo figlio per aver molestato gli altri bambini sullo scuolabus. Secondo il quotidiano britannico Daily Mail  Bryan ha fatto andare suo figlio a scuola, di corsa, mentre pioveva. Il padre con la macchina lo seguiva da dietro. Dopo aver fatto ciò, il papa ha condiviso la sua punizione sui social network, spiegandone anche le motivazioni. Questo insolito metodo di punizione si è diffuso più velocemente di quanto immaginasse, e migliaia di genitori hanno preso esempio. Bryan ha voluto trasmettere un messaggio molto importante, e si è rivolto ai genitori di tutto il mondo. Qualcuno lo ha definito un cattivo padre inizialmente, ma conoscendo i motivi si sono ricreduti. Ecco il video:

Nel video il padre dice: “Ciao a tutti, benvenuti ad ‘ascolta meglio tuo padre nel 2018′. Mio figlio si è messo nei guai sull’autobus della scuola e l’hanno espulso dall’autobus per tre giorni perché era un po’ prepotente, cosa che non tollero, né posso sopportare. ”

Bryan spiega che la famiglia vive a circa un miglio (poco più di 1 km e mezzo) da scuola e che il figlio di 10 anni è in realtà un buon atleta. “La buona notizia è che mantiene un buon ritmo, 6 miglia all’ora finora. A quanto pare ieri è stato un po ‘scortese con Michelle al mattino, quindi anche se stamattina sta piovendo, gli tocca correre,”continua Bryan.

Il padre ha anche confermato che da quando punisce suo figlio, il suo comportamento è migliorato; sia a scuola che a casa.”Questo è un modo antico e semplice per educare i propri figli. Non uccide nessuno, è un modo sano per punire un bambino perché si sta allenando”, dice Bryan. “Non gli piace, ma è proprio questo che insegna loro l’educazione.”

Bryan crede che questo modo di punire i suoi figli, insegna loro ad assumersi la responsabilità delle loro azioni. Tuttavia, aggiunge che è sempre lì quando i suoi figli hanno bisogno di lui. Il video in questione si è rapidamente diffuso su Internet da quando è stato caricato il 1 ° marzo di quest’anno. In pochi giorni è stato visto 1,6 milioni di volte e condiviso più di 37.000.

Bryan ha anche pubblicato video degli altri due giorni in cui suo figlio è andato a correre a scuola.

“Educa i tuoi figli, non essere un amico, sii un padre” è il suo messaggio ed è sicuramente una lezione da condividere con tutti i genitori.