Dieta dissociata, tutto quello che c’è da sapere

Avete mai sentito parlare della dieta dissociata? E’ sicuramente una delle più famose e apprezzate di tutto il mondo, con diversi benefici per la salute, ma anche alcuni pericoli da non sottovalutare se si decide di intraprendere questo regime alimentare ideato dal dottor William Howard Hay agli inizi del Novecento e poi riproposto con varianti diverse da numerosi medici in ogni angolo del mondo. Ma come funziona la dieta dissociata? Come suggerisce il nome stesso, carboidrati, proteine e grassi nei principali pasti devono essere assunti in modo separato.

Dieta dissociata

La dieta dissociata prevede regole precise per associare in modo corretto gli alimenti a tavola: possiamo associare sono i cibi che appartengono alla stessa categoria. Le proteine vanno abbinate solo con le proteine, i carboidrati solo con i carboidrati. Non si devono mischiare alimenti proteici diversi: quindi carne e pesce non vanno mangiati insieme.

Non bisogna mangiare la frutta o i dolci a fine pasto, ma lontano da pranzo o cena, magari come spuntino, associando sempre gli stessi nutrienti e mai mescolandoli. Il pasto principale, quindi il pranzo, va consumato tra le 13 e le 16. I carboidrati vanno assunti nelle prime ore della giornata e mai a cena, quando è bene preferire le proteine.

Mangiare frutta e verdura fa bene per depurare l’organismo: per questo bisogna bere molta acqua. Seguendo queste regole non solo si possono perdere i chili di troppo, ma si può anche disintossicare il corpo.

Ma quali sono i pericoli nei quali si può incappare seguendo questa dieta? C’è il rischio di mangiare sempre e solo le stesse cose. Se poi si segue una dieta fai da te, si potrebbero commettere alcuni errori, non inserendo nell’alimentazione nutrienti preziosi.

Insomma, se pensate che la dieta dissociata faccia al caso vostro, meglio chiedere consiglio a un nutrizionista o a un dietologo: mai ricorrere al fai da te, ne va della nostra salute!

di Redazione

  • In questo articolo:
  • Diete