La verità dietro l’abito da sposa

Home > Lifestyle > La verità dietro l’abito da sposa

Tutte le donne sognano il giorno del loro matrimonio e di indossare il vestito dei loro sogni. C’è chi lo vuole semplice e che invece lo vuole molto più complicato. La cosa che sappiamo però, è che tutte meritano di vivere il loro giorno speciale proprio come l’hanno sempre desiderato.

Oggi però, abbiamo deciso di parlarvi della storia di un abito da sposa che ha fatto il giro del mondo, non si è mai visto prima d’ora. Nessuno ne aveva mai sentito parlare. Ha un pizzo molto raffinato, una scollatura ricamata molto delicata. Ogni ragazza sognerebbe di indossare questo bellissimo vestito, il problema è che in ogni cosa c’è un Ma! Anche in questo vestito c’è qualcosa di davvero incredibile. In realtà non è fatto con la solita stoffa, ma in realtà è una torta. I dettagli sono stati realizzati in modo così realistico, che a prima vista nessuno immaginerebbe mai una cosa del genere. Anche quando si vede da vicino, è difficile credere che non sia fatto di tessuto. Questo è il primo abito che si può mangiare ed è stato realizzato dai confettieri britannici, Sylvia Elba, Yvette Marnet e dall’artista Ilinka Rnik. E’ in grandezza naturale, è proprio come tutti gli altri e può essere indossato da una ragazza di settanta chilogrammi ed alta un metro e settanta. E’ davvero incredibile una cosa così, è meraviglioso scoprire cosa sono state in grado di fare queste tre donne. Non ne aveva mai sentito parlare nessuno…

Hanno lavorato molto e ci hanno impiegato più di trecento ore per realizzarlo.

Ovviamente non tutte le donne lo vorranno comprare, forse perché tutte sognano di poterlo rivedere negli anni successivi e per questo è impossibile.

Però, sapere che dovrà essere mangiato, è un vero peccato.

E’ meraviglioso… non trovate?