Tornano “in voga” le musicassette

Cresce l'interesse per il nastro magnetico

 

Vi ricordate di quando ascoltavamo la nostra musica preferita sulle musicassette? Fino ai primi anni 2000 erano il supporto più diffuso per la registrazione audio, economico e semplice per la distribuzione di musica. Tra i dispositivi che contribuirono al loro successo ricordiamo il famoso Walkman di Sony.

cassette-tape2
Musiccassette

 

Con l’arrivo del CD alla fine degli anni Novanta, la musicassetta è pian piano sparita; almeno fino a quest’anno. Il nastro magnetico infatti non sarebbe più soltanto un ricordo “chiuso nel cassetto”, ma un prodotto che ha ripreso interesse sul mercato.

Stando a quanto sostiene la National Audio Company (NAC) – società statunitense specializzata nella produzione di nastri magnetici – c’è stata una crescita delle richieste nel 2015, con un aumento delle vendite fino a circa 30% (nel mese di ottobre).

Per il 2016 si prevede un mercato in crescita – l’azienda avrebbe registrato ordini di musicassette da tutto il mondo – Finlandia, Estonia e Russia – da paesi dove evidentemente nessuno produce più i nastri magnetici.

Chissà se questo possibile ritorno delle musicassette ci riporterà di nuovo a riavvolgere il nastro e cambiare lato ogni volta oppure se sarà soltanto una nuvola passeggera e un nostalgico ricordo per gli appassionati.

 

 

fonte: macitynet.it