Donna rude lo chiama “lurido motociclista” in una caffetteria e la sua risposta è perfetta

Luc Perreault è un motocilista e un papà. Ama le moto, così come i tatuaggi e anche bere una buona birra: ma non bisogna mai giudicare un libro dalla sua copertina.

Nel luglio del 2013 Luc stava provando la moto della madre, quando decise di prendersi una pausa in un ristorante Tim Horton in Canada: subito l’uomo ha catturato l’attenzione di una bambina curiosa in piedi vicino alla madre. La piccola non era spaventata, voleva solo salutarlo. Lei gli sorrise e lui gli disse Ciao.

La madre della bambina l’afferrò per una mano e disse: “Non parliamo con i biker sporchi“…

Più tardi quel giorno Luc ha deciso di scrivere su Facebook la risposta perfetta per questa donna.

“Alla famiglia con il Suv Rosso che era da Tim Horton oggi…

Sí, sono un uomo che pesa 130 kg, sono un motociclista e sono pieno di tatuaggi. Faccio il saldatore, sono grosso, bevo birra e forse ho l’aria minacciosa quando guardo le persone.

Quello che però non sai di me è che io sono sono laureato, che ho una famiglia felice, che sono sposato da undici anni…

Mia madre è fiera di me e dice a tutti di quanto sia fortunata ad avere un figlio così meraviglioso, i miei nipoti sono sempre così felici di vedermi…

Quando mia figlia si ruppe un braccio, piansi più io di lei…

Leggo libri, aiuto la gente, aiuto anche dei veterani di guerra ed ogni volta che guardo Armageddon piango…

Quindi la prossima volta che vedrò e che saluterò la tua bambina, per favore, evita di dire di me che sono uno “sporco motociclista”. Ricorda che quello che definisci in questo modo è la prima persona che si butterebbe in una casa in fiamme per salvare il pesce rosso di tua figlia così che non sia triste!”

Mai giudicare nessuno per l’aspetto o per i pregiudizi che abbiamo in mente!