Braccialini dichiara fallimento: un altro pezzo di Made in Italy che se ne va

Il nostro cuore fashion è in lacrime!

Home > Fashion > Braccialini dichiara fallimento: un altro pezzo di Made in Italy che se ne va

Un altro pezzo di moda italiana chiude i battenti, dichiarando fallimento. Proprio poco tempo fa vi avevamo parlato dell’azienda Borsalino, celebre brand di cappelli che hanno fatto la storia del costume e del cinema, non solo italiani, ma anche internazionali. Oggi siamo qui a parlarvi di un marchio di moda italiano, per la precisione toscano, che ha dichiarato ufficialmente il fallimento in tribunale. Stiamo parlando di Braccialini: sì, proprio il brand che ci ha sempre regalato grandissimi modelli di borse!

La notizia del fallimento di Braccialini ci arriva direttamente dal Tribunale di Firenze: l’azienda di moda con sede a Scandicci ha respinto la richiesta di concordato prevendivo del 2016. Quindi termina così, in un’aula di tribunale, la storia di un marchio che ha cambiato la nostra moda a partire dal 1954.

Attualmente ci sono 25 indagati per la bancarotta societaria, ovvero i componenti del consiglio di amministrazione e i sindaci revisori tra il 2011 e il 2014. Tra gli indagati ci sono anche Massimo e Riccardo Braccialini, ex direttore creativo ed ex amministratore delegato della società di famiglia.

Buone notizie per i posti di lavoro: a febbraio 2017, infatti, erano stati venduti i marchi Braccialini e Tua alla Graziella Group, che continueranno a realizzare collezioni di moda seguendo lo stile tracciato in questi anni di attività dalla maison toscana. Gli 80 lavoratori sono stati rilevati così come i contratti di distribuzione, la gestione dei negozi, il franchising e l’outlet aziendale.

A quanto pare dopo l’ingresso di questa nuova realtà, sono andate bene le cose: “I primi mesi di questa sinergia sono stati particolarmente positivi, il fatturato registrato nel 2017 è stato di 9 milioni di euro. Nelle settimane scorse è stata presentata la nuova collezione di borse autunno-inverno 2018-2019 e sono stati aperti nuovi negozi“.

La moda rimane, l’azienda cambia e un po’ è un peccato!