Attenzione alle salviette struccanti: pratiche ma dannose

Pratiche da usare ma dannose: ecco perché bisognerebbe eliminare l’uso delle salviette struccanti.

Chiunque si trucchi quotidianamente sa che, alla fine di una lunga giornata, quando siamo praticamente con un piede già nel letto e stanchi morti, l’idea di andarsi a struccare ci fa venire immediatamente il male di vivere. Sembra assurdo, ma trovare la forza di volontà per trascinarsi in bagno, usare dischetti e detergente, lavarsi la faccia e mettersi la crema – il minimo indispensabile dopo aver indossato per ore del fondotinta che ha incamerato batteri e smog -, è davvero difficile.

Ecco che sentiamo quindi il richiamo irresistibile e facile delle salviette struccanti: come Ulisse con le sirene, è difficile non cedere alla tentazione di usarle, magari senza nemmeno sciacquarsi il viso dopo. Sbagliatissimo: sul sito , è uscito infatti un articolo in cui la dermatologa Mona Gohara, che esercita a Danbury, in Connecticut, spiega come usare le salviette struccanti equivalga sostanzialmente a “lavarsi con acqua sporca”.

#1. Irritano il viso

Le salviette struccanti sono già pre-imbevute di liquido, ma non è che grondino struccante: la necessità di strofinare, anche energicamente, per rimuovere il trucco, irrita la pelle. Visto che poi promettono di rimuovere il trucco con poche passate, in genere, a meno che non si scelgano appositamente salviette con un buon INCI, le salviette contengono alcool e tensioattivi, che, uniti all’azione meccanica dello strofinare, provocano irritazione.

#2. Favoriscono l’insorgenza di acne e l’invecchiamento della pelle

Se non si usa altro dopo il passaggio delle salviette, o, peggio ancora, non ci si sciacqua, passare il panno inumidito equivale a ostruire i pori, che può portare quindi a insorgenza di punti neri e acne. Se non si pulisce a fondo la pelle inoltre si ostacola il lavoro della crema idratante applicata successivamente, che farà più difficoltà a penetrare nella pelle e mettere in atto quindi il proprio lavoro di prevenzione contro l’insorgere delle rughe.

#3. Non rimuovono i batteri

Su molte confezioni di salviette struccanti c’è scritto che si possono utilizzare senza risciacquo: se non ci si lava il viso dopo averle passate, praticamente è come strofinare all’interno dei pori residui di trucco e batteri, che inevitabilmente finiranno anche sulla federa del cuscino su cui appoggeremo il viso mentre dormiamo, creando un circolo vizioso di proliferazione batterica dannoso per la pelle.

Quindi, quando è strettamente necessario, come in viaggio ad esempio, ok alle salviette struccanti (sarebbe sempre comunque meglio sciacquarsi il viso dopo ogni utilizzo), ma è sempre preferibile usare il classico dischetto struccante con successivo risciacquo (se proprio ci sentiamo ispirati anche il tonico non sarebbe male) per poi applicare la crema idratante.