La triste storia di Jeremia

Di situazioni orribili ne è pieno il mondo, purtroppo. Per esempio, solo in Oklahoma, ci sono oltre ottomila bambini che sono affidati al Dipartimento dei Servizi umani, e oltre seicento in attesa di adozione. La cosa triste, è che non tutti riescono a trovare la famiglia che li accetti e che li ami come meritano.


La storia che abbiamo deciso di raccontarvi oggi, non è di certo una delle più belle che avete mai letto. Il protagonista è un bambino di dieci anni, chiamato Jeremia. E’ entrato in questa Casa, tre anni fa ed ancora, fino ad oggi, non è stato adottato. Il problema, però, non è solo questo, perché quello che deve subire è terribile. Lui desidera a tutti i costi di avere una casa, una mamma, un padre ed anche un fratellino a quattro zampe. Però, il suo sogno ancora non riesce ad essere avverato. Purtroppo, però, oltre a questo, nella casa dove vive, ci sono altri ragazzini, che lo picchiano e lo maltrattano molto spesso. Lui ha raccontato la sua storia al canale di notizie KFOR ed ha dichiarato che gli piacerebbe molto immaginare di andare via da quel posto, però, ancora non è arrivato il suo momento. Jeremia, inoltre, ha detto: “Voglio essere adottato perché vengo picchiato dai miei compagni. Per il momento non ho ancora diciotto anni e spero di trovare una famiglia, prima di essere maggiorenne e poi non sarà più possibile. Farò di tutto per i miei nuovi genitori, sarà buono e gentile!”

La sua storia è terribile, nessun bambino deve subire tutto questo e noi ci auguriamo che parlandone, tutto questo possa finire.

Storie del genere ci dimostrano quante situazioni orribili ci sono per il mondo.

Noi ci auguriamo che il piccolo possa trovare delle persone disposte ad adottarlo e a dargli l’amore che merita.

Buona fortuna Jeremia.