Partorisce al ristorante

Pochi saprebbero come reagire in un momento così delicato come un parto, ma gli eroi di questa storia fortunatamente hanno agito nel modo giusto. Kaycee era al ristorante di una stazione di servizio, lungo la strada dove lavorava sua madre quando, improvvisamente, le si sono rotte le acque. Nel posto c’erano solo due camionisti per aiutarla…




Kaycee si trovava al ristornate dove lavorava sua madre. Era l’ora di chiusura e vi erano rimasti solo due camionisti all’interno. Improvvisamente le si rompono le acque, il bambino sembra voler nascere in fretta. Kaycee sente fin da subito il bambino spingere, il panico della situazione invade il ristornate. Lei era in travaglio e non c’era un medico nelle vicinanze. Ma i due camionisti, Peter e Fred, hanno reagito rapidamente. Hanno aiutato la donna a sdraiarsi per terra, mettendole una giacca sotto la testa. Fred ha chiamato il 911 mentre Peter cercava di aiutare Kaycee. Mentre sembrava che il parto che si stesse svolgendo naturalmente, purtroppo si rendono conto che il bambino stava nascendo con il cordone ombelicale attorcigliato intorno al collo e la sua faccia era diventata blu. Fortunatamente Peter, nonostante non ha conoscenze mediche, ha saputo usare il suo istinto e invece di indurre la donna a spingere ha spinto indietro il bambino per srotolare il cordone. Dopo pochi minuti il bambino è uscito ma purtroppo sembrava non reagire e la sua pelle era ancora pallida. A quel punto Peter  ha pizzicato la faccia del neonato e il miracolo si è compiuto. Il bambino ha iniziato a piangere!

Subito dopo è arrivata l’ambulanza e madre e figlio sono stati portati in ospedale.

Fortunatamente entrambi stavano bene, ma questa esperienza è stata davvero toccante per tutti i presenti.

Meno male che i camionisti hanno mantenuto il sangue freddo in quella situazione, agendo nel miglior modo possibile.